Videosorveglianza: le novità

Videosorveglianza: le novità

La circolare nr. 5/2018 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce le indicazioni operative sul controllo a distanza dell’attività lavorativa con lo strumento della ‘videosorveglianza’. Nel contempo indica aspetti innovativi le semplificazione dei processi di richiesta e rilascio dei provvedimenti autorizzativi.

La circolare n. 5 del 19 febbraio 2018, ha ad oggetto le <<“indicazioni operative sulla installazione e utilizzazione di impianti audiovisivi e di altri strumenti di controllo ai sensi dell’art. 4 della legge n. 300/1970.”>>

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce una serie di indicazioni operative che mirano, in conformità ai recenti aggiornamenti normativi in materia, ad adeguare le procedure previste dalla norma alle innovazioni tecnologiche che rendono possibile il controllo a distanza dell’attività lavorativa.

Include indicazioni relative alle modalità di espletamento delle procedure previste dall’articolo 4 della L. 300/1970.

Stabilisce che “l’oggetto dell’attività valutativa, … va concentrata sulla effettiva sussistenza delle ragioni legittimanti l’adozione del provvedimento, tenendo presente in particolare la specifica finalità per la quale viene richiesta la singola autorizzazione e cioè le ragioni organizzative e produttive, quelle di sicurezza sul lavoro e quelle di tutela del patrimonio aziendale.” Ciò rende chiaro che vi sarà una doppia semplificazione: 1. per le aziende – nel processo di richiesta del provvedimento – 2. per gli Istituti Territoriali del Lavoro – nel meccanismo di valutazione delle istanze -.

La circolare in parola rappresenta una forte svolta non solo nell’applicazione della norma, ma, soprattutto, nell’approccio alla stessa. Alla semplificazione dei processi di richiesta e rilascio dei provvedimenti autorizzativi si affianca la volontà di adeguamento ai cambiamenti tecnologici  ed alla responsabilizzazione delle aziende che devono tutelare i propri interessi e rispettare la normativa applicabile. Elemento del tutto coerente con la responsabilizzazione prevista dal Regolamento (UE) 2016/679 in materia di protezione dei dati personali.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: